Oneplus One rilascia Oxygen OS basato su Android Lollipop

Il nuovo sistema operativo dello smartphone OnePlus One non si discosta più di tanto dalla versione “vanilla” di Android, aggiungendo solo alcuni dettagli e funzionalità specifiche per il modello del terminale che lo rendono ancora più usabile. Oxygen OS nasce come alternativa a Cyanogen Mod, o per meglio dire dalla necessità di trovare un sostituto dopo l’abbandono del gruppo di sviluppo allo smartphone Oneplus One.

Oxygen OS fa il suo debutto con una ROM basata sulla versione 5.0.2 di Android, che risulta avere meno bug della versione precedente e per questo più stabile. Il rilsacio del nuovo firmware con Oxygen OS ha avuto qualche ritardo dovuto sopratutto alla attesa da parte di Oneplus della “Google Certification”.

La schermata di blocco è altamente personalizzabile con Oxygen OS e permette di essere strutturata a proprio piacimento in funzione di un accesso rapido alle funzioni più utili o più usate. Il panello di Quick Settings è stato ridisegnato in modo da integrarsi perfettamente con il menu a tendina delle notifiche e permette una customizzazione dei bottoni (tile) che accendono e spengono le principali funzioni del telefono (WiFi, dati della rete mobile, Bluetooth, localizzazione via GPS, rotazione dello schermo, modalità aereo, torcia ecc). Oxygen OS ha mantenuta la funzione che permette di accedere ad alcune operazioni a schermo spento, semplicemente con alcuni gesti codificati con il dito sullo schermo: con un doppio tap, ad esempio, si esce dallo stand-by, disegnando un cerchio si accede direttamente alla fotocamera e così via.

OnePlus 3 vs OnePlus 2 vs OnePlus One. OnePlus ha appena annunciato il suo nuovo
OnePlus vuole svelare una importante novità il prossimo 1 Giugno, la notizia è arrivata tramite
OnePlus Two, il secondo smartphone di OnePlus e successore del OnePlus One ha recentemente fatto
Sembra che Oneplus sia in procinto di presentare anche uno smartphone economico insieme alla seconda
OnePlus One non riceverà Android Lollipop prima del prossimo marzo, non manca molto al terzo

Lascia un commento