Guida: Come bloccare iPhone rubato

Il successo strepitoso avuto negli anni dagli Apple iPhone hanno reso questo terminale molto apprezzato anche dai ladri. Il suo prezzo di vendita molto alto rispetto alla concorrenza e la enorme richiesta a prezi sostenuti anche sul mercato dell’usato ne fanno un ghiotto obiettivo per i ladri. Facile da rubare molto più facile di rubare un portafoglio o una collana e la rivendibilità è molto alta. Attenzione perciò a dove teniamo e come mostriamo il nostro iPhone, la prudenza non è mai abbastanza. Cos fare però nel malaugurato caso in cui ci trovassimo nella spiacevole situazione di ritrovarci con il nostro amato iphone rubato?

Come bloccare iPhone rubato
Come bloccare iPhone rubato

In questa guida vi spieghiamo come bloccare un iphone rubato , smarrito o perso, semplicemente bloccandolo tramite il suo codice IMEI. Apple ha pensato alla possibilità di bloccare in remoto iPhone in caso di furto o smarrimento. Per farlo ci basterà aprire la schermata delle Impostazioni e attivare iCloud. Consigliamo per assicurare il funzionamento di aggiornare iPhone alla ultima versione del suo sistema operativo iOS.

Tramite iCloud, attiviamo la funzionalità “Trova il mio iPhone”, in modo da avere il controllo remoto del telefono. Adesso non ci resta altro da fare che aprire il sito Internet di iCloud, effettuare il login con lo stesso Apple ID dell’iPhone e selezionare la voce “Blocco Remoto”. Ci verrà richiesto di inserire un codice numerico per lo sblocco, e dopo un ulteriore richiesta di conferma potremo cliccare su “Blocca iPhone”.

La procedura è semplice e non dovremmo fare nulla altro, ma funziona soltanto se il nostro iPhone rubato è acceso ed è connesso ad Internet. In ogni caso pur avendo, come prima cosa provato a bloccare il nostro iPhone rubato, e pur essendo in grado di bloccare e trovare il nostro iPhone bisognerà andare anche dalle autorità preposte e sporgere la denuncia per furto e/o smarrimento e fornire tutte le informazioni che avete raccolto tramite questa procedura.

Solo le autorità preposte come Carabinieri e/o Polizia di Stato possono e devono provvedere al recupero del maltolto, in quanto il fai da te in queste situazioni può essere estremamente pericoloso. Oltretutto a seguito della denuncia si potrà anche procedere al blocco tramite IMEI come fosse un qualsiasi smartphone.

Leggi anche

Pubblicato da Jack Anarzulla

Jack è un appassionato di smartphone e tecnologia, che scrive da anni come ghost writer di un noto guru della divulgazione informatica italiana. Per ovvie ragione usa uno pseudonimo

Lascia un commento