Problemi di produzione e di ricezione per i terminali in alluminio di Samsung

Sembra che ci siano grossi problemi per Samsung e la sua linea di smartphone con scocca in alluminio. Dopo aver costruito il proprio successo globale sul policarbonato usato per tutti i suoi temrinali dai top di gamma agli entry level, ha lanciato una intera linea di smartphone costruiti in alluminio e questo sembrava essere la rsposta agli eternis contenti che ne avevano sempre auspicato l’utilizzo. Purtroppo però sembra che tutti i problemi che possono esserci nel produrre con l’alluminio siano stati riscontrati proprio come si è sempre temuto.

Samsung Galaxy A3 e A5, l’alluminio causa problemi di produzione e scarsa ricezione  Fonte: http://www.androidiani.com/problematiche/samsung-galaxy-a3-a5-lalluminio-causa-problemi-produzione-scarsa-ricezione-223139
Samsung Galaxy A3 e A5, l’alluminio causa problemi di produzione e scarsa ricezione
Fonte: http://www.androidiani.com/problematiche/samsung-galaxy-a3-a5-lalluminio-causa-problemi-produzione-scarsa-ricezione-223139

Se è vero come è vero che Samsung ha sempre giustificato l’uso del policarbonato nei suoi terminali con la motivazione di evitare l’effetto mano e la scarsa ricettività alle onde radio dell’alluminio. Sembra proprio che la linea Samsung Galaxy Alpha in alluminio ne sembra proprio esserne affetto e se non bastasse le linee di produzione degli smartphone stanno avendo diversi problemi.

Secondo il sito di riferimento per il mondo Samsung SamMobile solamente il 50% dei case metallici utilizzati per produrre i Galaxy Alpha 3 e Alpha 5 forniti alla Samsung risulterebbero conformi agli standard di qualità richiesti dal produttore coreano. Questo problema di qualità della produzione delle scocche in alluminio porterà a un lancio inizialmente limitato alla sola Asia, proprio perché la produzione potrà essere esleltata solo in quantità molto ridotte.

Leggi anche

Pubblicato da Jack Anarzulla

Jack è un appassionato di smartphone e tecnologia, che scrive da anni come ghost writer di un noto guru della divulgazione informatica italiana. Per ovvie ragione usa uno pseudonimo

Lascia un commento